CONSULTAZIONE SUL SIMBOLO DELLA NUOVA RETE FEDERATA ECOLOGISTA E CIVICA

CIRCOLIPrimarie del Simbolo: Risultati | Materiali

 

puntatoreENTRA...

 

CIRCOLI TERRITORIALI

CIRCOLIAttività dei Circoli:
Composizione, cosituzione e attività dei Circoli...

puntatoreENTRA...

 

MATERIALI

materialiScarica Manifesti | Simbolo | Moduli | Volantini...


puntatoreENTRA...

APPUNTAMENTI

LINK UTILI

LINK UTILI

puntatoreENTRA...

Venerdì 08 Febbraio 2013 20:33

Il crimine d’essere ambientalisti

Valuta questo articolo
(1 Vota)

Il ministro dell’Ambiente Corrado, Clini che è arrivato a fare l’equazione tra opposizione ambientalista e criminalità organizzata, è semplicemente vergognoso. Nemmeno Berlusconi, che ha rappresentato una sciagura per le politiche ambientali, è mai arrivato a fare paragoni di questo genere. Parla proprio Clini che ha demolito il principio europeo chi inquina paga, che, per la prima volta nella storia della Repubblica italiana ha predisposto un decreto sull’Ilva che oltre a ad essere stato impugnato per 17 violazioni della Costituzione ha commissariato i giudici che difendono il diritto alla vita e alla salute minimizzando i drammatici effetti della diossina e che vuole far bruciare i rifiuti nei cementifici. Fino ad oggi la mobilitazione dei cittadini, dei comitati è stata l’unica opposizione alle speculazioni, al malaffare e ai crimini contro l’ambiente mentre governo e ministri giravano la faccia. A questi cittadini la mafia, la camorra, la ‘ndrangheta, la sacra corona unita hanno bruciato le case e le automobili. Questi cittadini hanno subito minacce e violenze. Forse il ministro Clini è troppo impegnato a frequentare i salotti di Confindustria per ascoltare le ragioni di un’Italia violentata dal cemento e dall’inquinamento.

Lascia un commento

Inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*).