RIO+20, IL FUTURO CHE VOGLIAMO

PDFStampaE-mail

rio20

1) Rio+20, il futuro che vogliamo. La United Nations Conference on Sustainable Development (UNCSD) è la conferenza sull'ambiente organizzata dalle Nazioni Unite alla presenza di tutti i più importanti leader mondiali, capi di Stato e partecipanti dal settore privato, dalle organizzazioni no profit e dai governi. La discussione è incentrata su sviluppo sostenibile, modelli di produzione, fonti energetiche ed idriche, protezione ambientale e riduzione della povertà e della nostra impronta ecologica sul pianeta. Si tratta di un appuntamento a carattere inter-governativo cui partecipano (o dovrebbero partecipare) i più alti rappresentanti degli esecutivi dei singoli paesi. Il risultato della conferenza sarà un documento di analisi e di impegni sulle tematiche in discussione (vedi sotto).

2) Perché Rio. La conferenza, conosciuta anche come Rio+20 perché cade a vent'anni esatti dal primo, famosissimo Earth Summit, si terrà dal 20 al 22 giugno a Rio de Janeiro, in Brasile, stessa città che ha ospitato l'incontro del '92. Il summit viene tenuto in attuazione della Risoluzione dell'Assemblea Generale ONU A/RES/64/236 del 23 dicembre 2009 che ne fissa la data, mentre il decennale (Rio+10) si è tenuto nel 2002 a Johannesburg in Sud Africa.

3) Si parlerà di... Le tematiche affrontate nel corso della 'tre giorni' si possono, sinteticamente, categorizzare in due macrocategorie:

  • -- "A Green Economy in the context of sustainable development and poverty eradication" (un'economia verde nel contesto dello sviluppo sostenibile e riduzione della povertà): ovvero la conversione ecologica dell'economia intesa come nuovo paradigma che cerchi di alleviare minacce globali come il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità, la desertificazione, l'esaurimento delle risorse naturali e promuova il benessere sociale ed economico.

  • -- "Institutional framework for sustainable development" (quadro istituzionale per lo sviluppo sostenibile): da intendersi come riferimento al sistema di governance globale per lo sviluppo sostenibile, includendo le istituzioni incaricate di sviluppare, monitorare e attuare le politiche di sviluppo sostenibile attraverso i suoi tre pilastri: sociale, ambientale ed economico.

Le sette aree indicate come 'critiche" sono: lavoro (declinato al plurale come 'lavori'), energia, città, cibo, acqua, oceani, disastri. Anche il tema dell'energia nucleare sarà trattato durante la Conferenza, a quanto ha rivelato il direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea), Yukiya Amano, in attesa della Conferenza internazionale ministeriale sull'Energia nucleare organizzata dall'Aiea, che si svolgerà dal 21 al 27 giugno a San Pietroburgo, in Russia.