Lunedì 10 Dicembre 2012 14:01

Se il mondo scoppia di caldo non è colpa tua

Valuta questo articolo
(3 voti)
articolo di Vittorio Marletto, da blog.rinnovabili.it

La colpa infatti è dei super ricchi. Sia i super ricchi paesi del Golfo che galleggiano sul petrolio e sul gas naturale, compreso il Qatar che ha ospitato la conferenza sul clima di Doha (un po’ come se “la banca dal sangue fosse nel palazzo di Dracula”). Sia i super ricchi trafficoni di petrolio, per esempio i fratelli Charles e David Koch, sconosciuti ai più ma in effetti miliardari tra i più ricchi del mondo, e capaci di influire pesantemente sulla politica statunitense, in particolare sul congresso, per impedire non dico il varo di politiche climatiche o la ratifica del protocollo di Kyoto quanto almeno la diminuzione dei sussidi alle fonti fossili, come racconta il rapporto Faces behind a global crisis ripreso dal Manifesto.

Dovrebbe ormai essere evidente a tutti che la diminuzione delle emissioni non si può ottenere con la buona volontà e l’impegno dei singoli (cittadini, enti locali, imprese o addirittura nazioni). Ci vuole assolutamente un sistema globale di tassazione del carbonio (o qualcosa di equivalente) che renda sempre meno conveniente l’abuso e lo sperpero di energia nonché l’uso delle fonti fossili (in ordine di inquinamento carbone, petrolio, gas naturale). Nonostante le apparenze i prodotti energetici fossili infatti costano ancora troppo poco perché escludono dal computo i danni collaterali che provocano (inquinamento e riscaldamento globale). Se i costi esterni venissero ricaricati sulle fonti fossili (per esempio attraverso una tassa globale sul carbonio) allora le rinnovabili diventerebbero subito convenienti e ci sarebbe una gara all’efficienza per abbattere i costi energetici.

Ma qui entrano in gioco i super ricchi che bloccano tutto per paura di perderci dei soldi. Solo che perderanno non solo tutti i soldi ma proprio tutto se non capiranno presto che abbiamo superato i limiti, che la barca climatica affonda e trascina con sé poveracci e super ricchi senza fare distinzioni. Qualcuno glielo spiega per favore?

Lascia un commento

Inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*).