Venerdì 26 Ottobre 2012 14:28

L'AMIANTO ACCANTO A NOI

Valuta questo articolo
(3 voti)
scritto dai Verdi  e gli Ecocivici di Rossano (Cosenza)

CARTELLINO ROSSO PER L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE! PERICOLO AMIANTO IN CONTRADA NUBRICA: CENTRO POPOLOSO E FREQUENTATO DA BAMBINI

E’ allarmante e indecente la situazione in CONTRADA NUBRICA, in pericolo il decoro urbano e soprattutto la salute dei cittadini. A creare allarme e preoccupazione i diversi kg di Eternit gettati senza cura davanti a un cassonetto sulla strada che porta  in contrada Zolfara davanti a una scuola materna ed elementare.  Un’indecenza inaccettabile per una città che si vanta, a parole, di essere all’avanguardia e a difesa dell’ambiente. La realtà è molto diversa.
E’ un fatto lampante agli occhi dei cittadini e non solo che la città sta vivendo un serio pericolo ambientale. Sacchi pieni di amianto, malamente camuffato in sacchi di tela  come se fosse un rifiuto qualsiasi, strati di lastre ammassate sul ciglio della strada  trafficata rendono la nevralgica arteria stradale che porta a contrada Zolfara una discarica di rifiuti pericolosi  a cielo aperto. La cosa più grave è che questo agghiacciante scenario della mala salute è sulla soglia d’ingresso della scuola elementare e materna di contrada Nubrica. Da circa un mese i rifiuti giacciono abbandonati davanti ai cassonetti dei rifiuti solidi urbani, nessun controllo nessuna tutela per la salute dei cittadini.

Oltre all’eternit sul ciglio della strada si aggiungono altri rifiuti speciali abbandonati, sanitari, pezzi di televisori rotte ed elettrodomestici vari. Tutti rifiuti pericolosi che in quanto tali andrebbero smaltiti  in modo corretto dato il grande impatto inquinante che hanno sull’ambiente e soprattutto sulla salute dei cittadini!!! L’inciviltà di alcuni abitanti, che purtroppo non comprendono o non vogliono capire la pericolosità dell’amianto, si somma alla negligenza dell’ente comunale,  il quale dovrebbe essere arbitro e controllore del territorio come si è  vantato nelle varie comunicazioni istituzionali degli ultimi tempi. Ma che invece come al solito, come loro uso e costume, fa spot pubblicitari per gettare fumo negli occhi ai cittadini lasciando sporche e abbandonate le vie periferiche della città.

La pubblicizzazione di multe fatte in  altre contrade cittadine a oggi sembrano solo trovate propagandistiche  per un amministrazione del “NON fare” che stagna in  una fase campagna elettorale continua e che si riempie di articoli e slogan sulla stampa, azioni mediatiche che non guardano invece ai problemi reali della città e soprattutto non tutelano la salute dei cittadini.  Giuste le sanzioni fino a 3000 euro per coloro i quali gettano i rifiuti speciali nell’ambiente, ma quale è la multa per  un comune inadempiente?

Non bastano soldi, cifre numeriche, per sanzionare coloro i quali mettono a rischio la salute di bambini,  un bene inestimabile da tutelare  e garantire. Visto che nei giorni scorsi il primo cittadino e l’assessore all’ambiente si vantavano di aver sollecitato la polizia municipale a perlustrare l’intero territorio, volevamo sapere se contrada Nubrica faceva ancora parte del territorio comunale? Pensavamo che fosse stata tagliata fuori dai confini comunali visto che nonostante l’accorato appello del sindaco da un mese nessuno  ha visto i chili d’amianto vicino la scuola! Eppure è da  tempo che giace lì abbandonato. I cartellini gialli degli “arbitri comunali” che fine hanno fatto?

L’eternit accatastato ai cassonetti inoltre  è sdrucciolato e  a pezzi quindi ancora più pericoloso, ridotto in polvere che si disperde nell’aria e attacca i bronchi dei malcapitati cittadini  che lo respirano. Le malattie e le patologie che insorgono dall’amianto sono purtroppo conosciute da tutti. Non vogliamo creare allarmismo nella popolazione , elencando quelli che sono i disastrosi effetti dell’eternit sulla salute  ma vogliamo invitare chi di dovere a RIPULIRE LA ZONA e ad assicurare la salute ai cittadini ed in particolari ai bambini,  agli operatori  della scuola di  Nubrica nonchè ai tanti turisti che frequentano  quella strada.
Serve  una collaborazione tra cittadini ed ente  per il bene del territorio e di chi lo abita.

Ecologisti - Verdi Rossano
Rossano lì 15/10/2012

Ultima modifica Venerdì 26 Ottobre 2012 14:43

Lascia un commento

Inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*).