Lunedì 09 Luglio 2012 16:44

SALVIAMO PARCO SUD DAL CEMENTO

Valuta questo articolo
(1 Vota)

comunicato di Ecologisti e Reti Civiche - Verdi Europei Lombardia

La scandalosa vicenda dello stralcio di 100.000 mq. di Parco Sud per edificare capannoni operato a metà giugno dall'assemblea dei Sindaci non puo' restare confinata nel campo delle polemiche. E' giusto sottolineare la responsabilità dei Sindaci che non hanno garantito la  presenza al voto su un argomento cosi importante , di quelli che hanno votato per la cementificazione e di quelli che hanno agito con leggerezza; la responsabilità istituzionale non ammette nè assenze" strategiche", nè superficialità.

La vicenda ha dimostrato per l'ennesima volta come beni comuni e salvaguardia del  territorio siano spesso ipocritamente sbandierati in campagna elettorale come specchietti per catturare voti di un elettorato sempre più sensibile al saccheggio del territorio lombardo. Il vero ambientalismo non si millanta nè si improvvisa, nè i veri ambientalisti  possono nascondersi nelle  pieghe "dem" perche' vi sono questioni fondanti rispetto alle quali il piede in 2 scarpe non si riesce a ficcare.

E' tempo ora di riparare gli errori compiuti, evitando il rimpiattino istituzionale e di schierarsi in modo chiaro: chi se ne frega del Parco confermi pure la sua posizione, i superficiali, i dormienti e gli impreparati agiscano per schierarsi con coloro che vogliono davvero salvaguardare il Parco sud.

La proposta degli Ecologisti e Reti civiche della Lombardia è un tempestivo atto di compensazione: l'assemblea dei Sindaci individui immediatamente con adeguato atto amministrativo una pari estensione di territorio da inserire nei confini del Parco  Sud a compensazione del territorio sacrificato al cemento.

Ultima modifica Lunedì 09 Luglio 2012 16:56

Lascia un commento

Inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*).