CONSULTAZIONE SUL SIMBOLO DELLA NUOVA RETE FEDERATA ECOLOGISTA E CIVICA

CIRCOLIPrimarie del Simbolo: Risultati | Materiali

 

puntatoreENTRA...

 

CIRCOLI TERRITORIALI

CIRCOLIAttività dei Circoli:
Composizione, cosituzione e attività dei Circoli...

puntatoreENTRA...

 

MATERIALI

materialiScarica Manifesti | Simbolo | Moduli | Volantini...


puntatoreENTRA...

APPUNTAMENTI

LINK UTILI

LINK UTILI

puntatoreENTRA...

Politiche Energetiche e Cambiamenti Climatici

L'energia come bene comune e la "democratizzazione energetica" come diritto naturale. Rinnovabili, efficienza energetica e Smart Grids. I Cambiamenti Climatici. La chiusura dei cicli produttivi e Rifiuti zero.

 

L'energia è diventata una questione cruciale per la società, l'ambiente e le imprese. Il picco del petrolio, l'effetto serra e la strategicità delle risorse la pongono al centro sia del dibattito nell'opinione pubblica, sia della politica, poiché ogni scelta in materia ha, e avrà sempre di più riflessi importanti sulla pace, sulle condizioni di vita dei popoli, sull'ecosistema, sulla salute pubblica e sulle dinamiche sociali. E' in realtà la questione fondante che garantisce la libertà, indipendenza e prosperità di una nazione e di una comunità locale. Pertanto non è più possibile lasciare questo importante settore in mano alle "decisioni spontanee" di gruppi d'interesse e i cittadini sempre di più si pongono il problema di essere attori attivi e responsabili, rivendicando il diritto-dovere alla gestione di questo che è ormai da considerare un bene comune e non una risorsa privata. Un aspetto importante della questione energetica è quello legato alle tecnologie e al ruolo della scienza in stretta connessione con gli aspetti decisioni. Da un lato, infatti, il apporto con la tecnologia è essenziale per superare le difficoltà di oggi, conservando la qualità della vita nei paesi occidentali, andando incontro alle legittime aspirazioni dei Pvs, ma dall'altro il mondo della tecnologia deve aprirsi sempre più alle esigenze dei cittadini introducendo con forza elementi sociali nel dibattito e affrontando le tematiche energetiche con un approccio interdisciplinare aperto anche alle scienze umane. Questo aspetto è fondamentale già ora, perché ora siamo nella fase di transizione da un modello energetico insostenibile basato sui fossili a quello che dovrebbe vedere la centralità delle rinnovabili. Si tratta di una discussione di grande importanza anche perché sarà necessario tradurre in proposte pratiche e concrete, da offrire ai cittadini, agli amministratori locali e al mondo della politica, che possano produrre soluzioni sia sotto al profilo ambientale, sia dal punto di vista dell'economia, innescando un circolo virtuoso tra il mondo dell'energia e quello dell'industria e del lavoro. Altrettanto fondamentale sotto al profilo della sostenibilità è la gestione del ciclo di vita dei beni e quindi dei rifiuti. Un approccio complessivo a questo problema deve partire dall'inizio e dalla fine del ciclo, quindi massima salvaguardia delle materie prime di ogni tipo e massima ottimizzazione dei rifiuti. È necessario trovare, quindi, le soluzioni per scindere il rapporto tra plusvalenza economica e produzione dei rifiuti, ribaltando l'approccio utilizzato fino a ora, nel quale tutte le parti del ciclo di vita dei beni, anche quelle negative per la società e l'ambiente, sono connesse agli indicatori economici. In questa sessione, quindi, si discuteranno i temi delle Rinnovabili, del no al nucleare, delle Smart Grids, della generazione diffusa, delle 3R (riduzione, riciclo, riuso) e delle emissioni di carbonio.

Materiale Scaricabile

Primi spunti programmatici

 

Contributi Partecipanti

Energia per i ricchi e per i poveri
a cura di Aldo Iacomelli

Esperienze di integrazione tra energia, ambiente, economia e società localePolitiche Energetiche e Cambiamenti
a cura di 9Ren

Clima ed Energia
a cura di Erasmo Venosi

Cordiner
a cura di Cordiner

Patto dei sindaci
a cura di Pinuccia Montanari

La green economy nel cassonetto
a cura di Maya Battisti