Giovedì 20 Settembre 2012 14:45

PIENA SOLIDARIETÁ A BONELLI. CLINI DIA SPIEGAZIONI SUI DATI, INVECE DI SVIARE L’ATTENZIONE

Autore:  Stefania Lopedote
Valuta questo articolo
(6 voti)

COMUNICATO STAMPA

ILVA, ECOLOGISTI E CIVICI: PIENA SOLIDARIETA’ A BONELLI. CLINI DIA SPIEGAZIONI SUI DATI, INVECE DI SVIARE L’ATTENZIONE
CHIEDIAMO LE DIMISSIONI DI CLINI: TUTELARE SALUTE PRIMA DEI PROFITTI

“Quando il saggio indica la Luna, lo stolto guarda il dito”. Così Michele Dotti, co-portavoce nazionale di “Ecologisti e Reti Civiche – Verdi Europei” ha commentato la querela che il ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha mandato, attraverso l’avvocatura di Stato, contro il presidente dei Verdi e membro del coordinamento di Ecologisti e Civici Angelo Bonelli, per aver diffuso ieri i dati dello studio Sentieri sulla mortalità nell'area di Taranto e Statte.

“Denuncia per lanciato allarme? Il problema è proprio l’inverso: – ha spiegato Dotti – il governo è in possesso di questi drammatici dati da circa sei mesi: perché nessuno ha dato l’allarme? Invece si accusa chi denuncia il problema e non chi l'ha creato, e continua ad alimentarlo, per trarne lauti profitti”.

“Da tarantina e da co-portavoce nazionale di “Ecologisti e Reti Civiche - Verdi europei” – ha aggiunto Mary Luppino - penso che quanto sta avvenendo nella città di Taranto sia sintomatico della situazione drammatica che sta vivendo tutta l’Italia: il profitto prima di tutto, in nome di questo si è disposti anche a mistificare realtà e dati. Stesso metodo – spiega la Luppino - adottato a Casale Monferrato: la morte in cambio di un posto di lavoro.”

“Caro Ministro – hanno concluso Dotti e la Luppino - le famiglie e gli operai di Taranto non vogliono più barattare il lavoro con la morte. Bonelli, cui esprimiamo tutta la nostra solidarietà, ha avuto l’onestà di diffondere dati veri e inattaccabili. La querela è solo il tentativo di creare un polverone politico. Dia spiegazioni, invece di lanciare denunce per sviare l’attenzione dal vero problema. E poi faccia un favore a tutti: si dimetta e lasci posto a qualcuno che intende tutelare la salute e l’ambiente prima dei profitti e degli interessi industriali”.

Roma, giovedì 20 settembre 2012

Ultima modifica Venerdì 28 Settembre 2012 14:36

Lascia un commento

Inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*).