Martedì 14 Febbraio 2012 11:00

Borsa, seduta in positivo per Piazza Affari: +0,8%

Valuta questo articolo
(0 voti)
image

Seduta in territorio leggermente positivo per Piazza Affari, che non ha pagato il nuovo declassamento deciso dall'agenzia di rating Moody's. Il 14 febbraio, nel giorno dell'asta di Btp a 3, 5 e 10 anni, il Ftse Mib ha segnato un rialzo dello 0,73% a 16.488 punti.
Sul fronte dei titoli di Stato, lo spread tra Btp e Bund tedesco è calato, posizionandosi poco oltre i 360 punti (367 alla chiusura di lunedì 13 febbraio). Il rendimento è del 5,56%.
Nel resto del Vecchio continente, alla vigilia dell'Eurogruppo, i listini hanno aperto in ribasso, recuperando terreno a metà giornata e girando in positivo.

12.00 - L'EUROPA GIRA IN POSITIVO. Girano in positivo le principali borse europee dopo una partenza fiacca, favorite dal rialzo dei futures su Wall Street. Milano (Ftse Mib +0,8%) si conferma la migliore davanti a Francoforte (+0,63%), Parigi (+0,31%) e Londra (+0,1%). Negativa Atene (-1,58%).
È rimasta sotto controllo la tensione sui titoli di stato, nonostante il taglio del rating di Moody's su Italia, Spagna e Portogallo e il faro acceso su Francia, Gran Bretagna e Austria. Dopo le aste dei Btp italiani il differenziale con il Bund tedesco, salito nella mattinata fino a 377 punti, si attesta a 361 punti base. A due velocità i bancari, con Ubs (+1,24%), Barclays (+1,16%) e Intesa Sanpaolo (+1,74%) positive, a differenza di National Bank of Greece (-2,4%), Societé Generale (-2%), Bnp Paribas (-1,65%) ed Rbs (-1,42%).
In calo le materie prime con Rio Tinto (-2,02), bene invece l'energia: E.On sale dell'1,28%, Shell dell'1,11% e Gdf dello 0,87%.
Di seguito, gli indici dei titoli guida delle principali borse europee: Londra +0,16%; Parigi +0,36%; Francoforte +0,61%; Madrid +0,38%; Milano +0,85%; Amsterdam +0,57%; Stoccolma +0,53%; Zurigo +0,04%.

11.45 - SPREAD IN CALO DOPO L'ASTA. Lo spread Btp-Bund scende a 360 punti base dai 377 dell'apertura dopo il buon esito dell'asta. Il rendimento del decennale cala al 5,56%. Piazza Affari a +0,73%.

11.05 - PROSEGUE RALLY FONSAI (+7%), SCIVOLA UNIPOL (-7%). Fonsai e Unipol prendono due strade diverse a Piazza Affari. La compagnia che fa capo ai Ligresti, preda del gruppo bolognese controllato dalle Coop, guadagna il 7,15% a 1,72 euro, con il nuovo scenario che vede in campo una cordata alternativa guidata da Palladio. Difficoltà invece per Unipol (-7% a 0,26 euro) mentre Premafin è congelata per eccesso di volatilità e segna un calo teorico del 4,59%. Debole Milano Assicurazioni (-1,58%).

9.58 - ATENE APRE IN RIALZO. La Borsa di Atene ha aperto in rialzo, registrando un +0,63%, con l'indice generale a 839,70 punti. Le agenzie finanziarie locali si aspettano una seduta positiva. Secondo gli analisti della Marfin Analysis, l'interesse sarà rivolto alla riunione dell'Eurogruppo prevista per il 15 febbraio. Secondo la Beta, la dinamica positiva della Borsa di Atene potrebbe riguardare anche altre azioni oltre quelle bancarie.

9.49 - EUROPA FIACCA CON MOODY'S; FUTURES USA IN CALO. La decisione di Moody's di abbassare il rating di Italia, Spagna e Portogallo e di mettere sotto osservazione il giudizio su Francia, Inghilterra e Austria non fa bene ai listini di borsa europei, ad eccezione di Milano (+0,5%). In calo i futures su Wall Street, in attesa di dati macroeconomici sull'ottimismo delle Pmi e sulle vendite al dettaglio negli Usa. Le vendite prevalgono nel settore delle auto, tra i bancari e nelle materie prime, mentre prendono fiato i titoli tecnologici. In particolare Scivolano Bnp Paribas (-2,27%) e Gdf (-1,65%) a Parigi, Rio Tinto (-2,04%), Bhp Billiton (-1,34%) e Anglo American (-1,22%) a Londra, Deutsche Bank (-0,98%) a Francoforte e Banco Santander (-0,46%) sulla piazza di Madrid. Rialzi per Bp (+0,59%) a Londra ed Ericsson (+0,62%) a Stoccolma. Telefonica cede a Madrid lo 0,54%, mentre a Francoforte Allianz lascia sul campo lo 0,49%. Di seguito, gli indici dei titoli guida delle principali borse europee. - Londra -0,25% - Parigi -0,31% - Francoforte -0,12% - Madrid -0,48% - Milano +0,50% - Amsterdam -0,20% - Stoccolma -0,18% - Zurigo -0,24%.

9.32 - BORSA MILANO: POSITIVA (+0,3%) CON FONSAI; GIÙ UNIPOL. Si conferma positiva Piazza Affari nella prima mezz'ora di contrattazioni, con il Ftse Mib in crescita dello 0,35% a 16.422 punti. Riesce a scambiare, ma ancora in modo irregolare, Fonsai, congelata per eccesso di volatilità, che segna un balzo del 9% a 1,7 euro. In calo invece Unipol (-2% a 0,27 euro). Bene Premafin (+3,46%), Campari (+1,51%) e Impregilo (+4,55%), insieme a Banco Popolare (+3,85%), Ubi Banca (+1,77%), Unicredit (+1,57%) e Intesa Sanpaolo (+1,41%). Fiacca Snam (+0,17%) dopo i risultati, che ha presentato anche Edison (-0,06%). Difficoltà per Lottomatica (-5,61%), congelata anche per eccesso di volatilità.

9.11 - FONSAI: CONGELATA IN BORSA; TEORICO +13%. Non riesce a fare prezzo FonSai in Piazza Affari. Il titolo della compagnia che fa capo ai Ligresti segna un rialzo teorico del 13%, dopo i rastrellamenti della vigilia annunciati da Palladio, salita sopra al 2% lo scorso 3 febbraio. Bene Unipol (+0,67%) e Premafin (+3,5%).

Martedì, 14 Febbraio 2012


Lascia un commento

Inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*).