Mercoledì 03 Agosto 2011 13:40

Paura in Libia, missile contro una nave italiana

Valuta questo articolo
(0 voti)
image

Caduto in mare, a due chilometri. Nessun problema all'equipaggio.

Un missile è stato lanciato dalla Libia contro la nave della Marina militare 'Bersagliere', che incrocia a largo delle coste libiche.
Il missile, però, è caduto in mare, a due chilometri di distanza dalla nave militare italiana. Questo è quanto si è appreso da fonti parlamentari della maggioranza.
L'episodio, è stato riferito, è avvenuto alle 10.40, ora italiana.
LA CONFERMA DI LA RUSSA. «A due chilometri dalla fregata 'Bersagliere' al largo delle coste libiche è stata segnalata dai radar la traccia di un missile caduto in mare».
Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ha confermato così la notizia del lancio di un missile. «Potrebbe essere un missile libico o anche un missile antiaereo caduto poi in mare», ha aggiunto La Russa. «In ogni caso la nave prudentemente si è portata a largo».
EQUIPAGGIO OK. Nessun problema per l'equipaggio dell'unità della Marina militare, che normalmente incrocia a 13-15 miglia al largo della costa libica e che ora è stata fatta allontanare a scopo precauzionale. Il missile sarebbe stato lanciato dalla zona di Zlitan, che è quella antistante all'area dove incrociava la nave italiana.

L'Idv: «L'Italia è in guerra, ma La Russa nega la realtà»

Non avrà colpito la nave, ma il missile ha innescato la polemica politica. Il portavoce dell'Italia dei lavori, Leoluca Orlando, ha detto tramite una nota: «Il ministro della Difesa, La Russa, conferma le azioni di guerra compiute e subite dalle forze armate italiane, ma si ostina a negare la realtà».
SOLO VITTIME. Poi ha aggiunto: «Il nostro Paese è in guerra. Una guerra senza senso, che serve soltanto a mietere vittime militari e civil».

Mercoledì, 03 Agosto 2011


Lascia un commento

Inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*).